Eco-Corsi in italiano

Educazione alla sostenibilità per cittadini italiani e stranieri

Emissioni dell’inceneritore di San Lazzaro

| 0 commenti

Comunicato stampa da parte delle Associazioni
In occasione della pubblicazione delle misure in continuo delle emissioni dell’inceneritore di san Lazzaro

scritto in collaborazione con Maurizio Ulliana degli Amissi del Piovego, con Ernesto Sorgato e con Devis Casetta di Legambiente

Le associazioni che fanno parte dell’Osservatorio e quelle che seguono da vicino il suo operato esprimono soddisfazione per la decisione di AcegasAps di pubblicare i dati delle emissioni delle tre linee dell’inceneritore.
Si auspicano che AcegasAps proceda nella direzione della massima trasparenza, pubblicando, come pure richiesto presso l’Osservatorio, anche tipologia e provenienza dei rifiuti trattati. Informare correttamente é fondamentale per la presa di coscienza e la responsabilizzazione della cittadinanza.

I cittadini devono sapere che lo smaltimento non risolve il problema dei rifiuti, ma risponde ad una necessità contingente, in mancanza di politiche di prevenzione rifiuti. Lo smaltimento dei rifiuti costituisce uno spostamento dei problemi da una parte all’altra, dalle nostre strade alle discariche ed all’atmosfera, e soprattutto dal presente al futuro, ai nostri figli, a cui lasciamo in eredità più inquinamento e meno risorse (se bruciamo materiali non li possiamo recuperare), con conseguenze sul piano ambientale e sanitario.

L’unica vera soluzione é cercare di produrre meno rifiuti, attraverso non solo una migliore raccolta differenziata, come quella porta a porta, che ne favorisca il riciclaggio, ma soprattutto puntando alla riduzione della produzione di materiali destinati a diventare rifiuti. Vanno messe a punto strategie per ridurre i beni usa e getta e per ridurre gli imballaggi inutili; per quelli indispensabili vanno trovati materiali facilmente riutilizzabili o riciclabili.

Su questo tema le Associazioni, anche grazie all’Osservatorio, hanno lanciato una proposta di collaborazione alle amministrazioni cittadina, provinciale e regionale ed intendono coinvolgere AcegasAps e la Grande Distribuzione Organizzata (GDO), per un Piano di iniziative che incidano sulla filiera produttiva, del packaging e della logistica.

Le Associazioni firmatarie, con questa istanza, intendono indurre una profonda revisione dell’attuale sistema di produzione e distribuzione dei beni su livelli più sostenibili per la salute e l’ambiente, anche attraverso la sensibilizzazione della cittadinanza. Si augurano che, grazie al sostegno di tutti i partner coinvolti (amministrazioni, APS, GDO) si potranno ottenere importanti risultati.

Si allegano le 10 iniziative per la riduzione della produzione di rifiuti.

Firmatari:

ACSI – Padova
Amissi del Piovego
Associazione dei Medici per l’Ambiente ISDE – Padova
Comitato Difesa Salute e Ambiente Padova Est
Comitato Lasciateci Respirare – Padova
Ecodem – Padova
Legambiente – Padova
WWF Padova Onlus
Movimento 5 Stelle – Padova

Scrivi un commento

Powered by Facebook Comments

estergiusto

Autore: estergiusto

Ingegnere per l'Ambiente Insegnante per...passione :) Nata a Padova nel '78, laureata con sollievo di tutti ed in particolare mio in ingegneria per l'Ambiente ed il Territorio (sia a Padova che in Danimarca - questo lo sottolineo perché ha sempre un certo impatto), ho lavorato come ingegnere per 9 anni per una grande azienda padovana. Da ormai quasi 3 anni "vivo di rendita" in senso propriamente detto: grazie ad i miei genitori che mi hanno insegnato l'arte della sobrietà, nonostante le mie entrate non siano esorbitanti (oggi gli ingegneri son pagati meno degli operai!) sono riuscita a mettere da parte il necessario per acquistare una casetta sgarrupata, ma con giardinetto, a meno di mezzora a piedi dal centro: questa è vita! Qui vivo con due malcapitati inquilini tedeschi e con due gambiani - il mio compagno/marito ed un amico - che ritengono di essere le mie cavie. E forse lo sono. Nel poco tempo libero che mi lascia la mia attuale professione di "house manager" insegno in lingua italiana (con qualche incursione nell'inglese e nel francese se serve) educazione civica ed ambientale ed altre materie su richiesta...super-interessante, no? Per me, si :D *** Environmental engineer En...thusiast teacher Born in Padova in 78, graduated -with relief of all my family and especially mine - in Environmental Engineer (both in Padova and in the Technical University of Denmark - I underline this as it has always a certain impact), I worked as a engineer for 9 years for an important company. From about 3 years I live of annuities, thanks to my parents who tought me the art of sobriety and of surviving even if incomes are not enormous (today Italian engineers are paid less than factory workers). I could save enough money to buy a little house, decrepit but with garden, at less than 30 mins from the city center: this is life ;)! Here, I live with two unfortunates German students and two Gambian guys (my husband and a friend), who think they are my "guinea pigs". And maybe, in some ways, they are ;) In the free time left by my "house manager" profession, I try to teach a new subject: civic plus environmental education (and other subjects on request). Interesting, right? For me, definitely! :D

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.